L’albero dell’amore


Vieni, piantiamo il nostro amore

come piantano i contadini un seme:

tu lo inaffierai con lacrime

ed io dalle male erbe lo monderò con le mie mani

fino a che sanguineranno.

Forse questo nostro sepolto amore

cadrà su buon terreno

e produrrà un albero con frutti e fiori;

pallidi amanti che a caso passeranno

potranno cogliere e mangiare,

e nelle loro vene un dolce e languido ardore circolerà,

e i loro polsi scandiranno una inimmaginata melodia,

e le loro timide labbra si uniranno e divideranno,

e la gioia si ripeterà.

E gli uomini verranno

pellegrini da molto lontano

a vedere quest’albero per il quale

fummo noi due crocifìssi e, in loro stessi felici,

essi giammai non sapranno

che a far crescere l’Albero dell’Amore

fu il cuore che si spezzò.

Countee Cullen

Annunci

Informazioni su gualtiero festini

Alla ricerca delle tante risposte che assillano la mia mente, sono in cammino verso la guarigione emotiva, spirituale e fisica.
Questa voce è stata pubblicata in Countee Cullen, poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...