La stella della sera



L’ estate era al suo meriggio, e la notte al suo colmo; e ogni stella, nella sua propria orbita, brillava pallida, pur nella luce della luna, che piu’ lucente e piu’ fredda, dominava tra gli schiavi pianeti, nei cieli signora assoluta – e, col suo raggio, sulle onde. Per un poco io fissai il suo freddo sorriso; oh, troppo freddo – troppo freddo per me! Passo’, come un sudario, una nuvola lanugiosa, e io allora mi volsi a te orgogliosa stella della sera, alla tua remota fiamma, piu’ caro avendo il tuo raggio; giacche’ piu’ mi allieta l’ orgogliosa parte che in cielo svolgi a notte, e di piu’ io ammiro il tuo fuoco distante che non quella fredda, consueta luce.

Edgar Allan Poe

Annunci

Informazioni su gualtiero festini

Alla ricerca delle tante risposte che assillano la mia mente, sono in cammino verso la guarigione emotiva, spirituale e fisica.
Questa voce è stata pubblicata in Edgar Allan Poe, poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...