L’Eautontimorumenos


Ti colpirò senza collera,
senz’odio, come un beccaio,
o come Mosé la roccia!
Farò dalla tua palpebra, per dissetare il mio Sahara,
sgorgare l’acqua della sofferenza.
La mia brama, gonfia di speranza,
filerà sulle tue lacrime salate come una nave che prende il largo
e nel mio cuore, che ne sarà inebriato, i tuoi cari singhiozzi
echeggeranno come un tamburo che batte la carica!
Non sono forse un accordo stonato, nella divina sinfonia,
grazie alla vorace Ironia che mi squassa e mi morde?
E’ dentro la mia voce, che stride!
è il mio sangue, questo veleno nero!
Sono lo specchio sinistro in cui si guarda la megera.
Io sono la piaga e il coltello! Sono lo schiaffo e la gota!
Sono le membra e la ruota, e la vittima e il carnefice!
Sono del mio cuore il vampiro,
– uno di quei grandi derelitti
condannati all’eterno riso
e che non possono più sorridere!
Charles Baudelaire

Annunci

Informazioni su gualtiero festini

Alla ricerca delle tante risposte che assillano la mia mente, sono in cammino verso la guarigione emotiva, spirituale e fisica.
Questa voce è stata pubblicata in Charles Baudelaire, poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...