A lungo tenni stretto il mio angelo


A lungo tenni stretto il mio Angelo,

e lui infine s’intristì fra le mie braccia

divenne piccolo, ed io grande:

finchè fui io la compassione,

e lui soltanto una preghiera tremante.

Solo allora gli ridiedi i suoi cieli,

svanendo, mi lasciò le cose sue più intime;

lui apprese il volo, io imparai la vita

e lentamente l’un l’altro ci riconoscemmo.

Rainer Maria Rilke

Annunci

Informazioni su gualtiero festini

Alla ricerca delle tante risposte che assillano la mia mente, sono in cammino verso la guarigione emotiva, spirituale e fisica.
Questa voce è stata pubblicata in poesie, Rainer Maria Rilke. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...