Quindi farò tardi


Perchè ogni volta che scrollo il passato
dalle mie spalle il suo sole scende su di me,
trafiggendo la mia testa?
Chiedo all’acqua, ai passanti, ai ragazzi che escono di prima mattina:
Perchè mi seguite?
Nel mio cestino non ci sono pagnotte da spezzare dopo il lavoro,
nessun fiammifero per illuminare l’oscurità, nemmeno un fazzoletto
da sventolare in segno di resa.
Pongo domande alla morbida roccia, ai rami secchi e altezzosi,
alle poche luci che rimangono dietro tende lontane.
Pongo domandeper evadere questi ricordi e preoccuparmi di trovare
un’altra strada per raggiungere casa.

Nujum al-Ghanim

Annunci

Informazioni su gualtiero festini

Alla ricerca delle tante risposte che assillano la mia mente, sono in cammino verso la guarigione emotiva, spirituale e fisica.
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...