Viaggio


Amandoti, pelle contro pelle, ho pensato spesso
di viaggiare senza un soldo fino a qualche trono di fango
dove un maestro possa insegnarmi come condurre
la mia vita lontano dal dolore, per il solo amore
nell’abbraccio indolore di pietra e lago.
Smarrito nella distesa dei tuoi capelli non sono mai stato smarrito
abbastanza da smarrire la strada che dovevo percorrere;
senza fiato accanto al tuo corpo non ho potuto rispettare
la volontà che mi proibisce patti, voti
o promesse, e spesso mentre dormivi
ho scrutato con sacro terrore la tua bellezza.
Adesso so perché molti uomini si sono fermati a piangere
a metà strada tra gli amori che lasciano e cercano
e si sono chiesti se il viaggio li conduca da qualche parte
gli orizzonti assumono la morbida linea della tua guancia,
il cielo ventoso è una cornice per i tuoi capelli.

Leonard Cohen

Annunci

Informazioni su gualtiero festini

Alla ricerca delle tante risposte che assillano la mia mente, sono in cammino verso la guarigione emotiva, spirituale e fisica.
Questa voce è stata pubblicata in poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...